Vai a…
RSS Feed

Arsit Artes

Un CALEIDOSCOPIO
di SUONI e IMMAGINI
Al Grande di Brescia
opera, danza, classica
e contemporanea

La Fondazione del Teatro Grande di Brescia presenta la Stagione settembre-dicembre 2018 nella quale convivono, in un unico cartellone, opera, danza e un’importante proposta concertistica. Con un’offerta sempre più ampia, la Fondazione prosegue il percorso di rinnovamento intrapreso negli ultimi anni per rendere il teatro uno spazio aperto a molti generi e a un pubblico diversificato, anche anagraficamente.
Un caleidoscopio di suoni e immagini, con artisti provenienti dall’Argentina, dall’Estonia, dall’Italia,

 » Leggi di più: Un CALEIDOSCOPIO
di SUONI e IMMAGINI
Al Grande di Brescia
opera, danza, classica
e contemporanea  »

LA BELLEZZA CLASSICA
e LINEARE DELLA BOLENA
di GRAHAM VICK
Ottimi il cast
e la direzione

Tinte plumbee ma non tenebrose: evocative. Anna Bolena ha fatto ritorno al Teatro Filarmonico di Verona in un allestimento del 2007 di Fondazione Arena e del Teatro Verdi di Trieste, firmato da Graham Vick. Un’impostazione classica, giostrata su sapienti chiaroscuri drammaturgici (lighting design di Giuseppe Di Iorio) vivificati da elementi simbolici collocati entro un contesto di bellezza pittorica, in massima parte attribuibile alle scene e ai costumi,

 » Leggi di più: LA BELLEZZA CLASSICA
e LINEARE DELLA BOLENA
di GRAHAM VICK
Ottimi il cast
e la direzione  »

GAUDENZIO FERRARI
UNA MOSTRA
TRE SEDI ESPOSITIVE
Indagine sull’artista cinquecentesco

Una grande mostra su Gaudenzio Ferrari, un artista che nel Cinquecento venne ritenuto da Giovanni Paolo Lomazzo – insieme a Mantegna, Michelangelo, Polidoro da Caravaggio, Leonardo, Raffaello e Tiziano – uno dei sette “Governatori” nel “Tempio della Pittura”.
“Il Rinascimento di Gaudenzio Ferrari” coinvolge, fino al 1 luglio 2018, tre città del Piemonte – Varallo Sesia (Pinacoteca e Sacro Monte), Vercelli (L’Arca) e Novara (Broletto) – estendendosi, al di là delle sedi espositive,

 » Leggi di più: GAUDENZIO FERRARI
UNA MOSTRA
TRE SEDI ESPOSITIVE
Indagine sull’artista cinquecentesco  »

LA PETITE MESSE
di GIOACCHINO ROSSINI
al FILARMONICO di VERONA
con l’intervento straordinario
di Cecilia Gasdia all’harmonium

Fondazione Arena intende celebrare i 150 anni dalla scomparsa di Gioachino Rossini con una serata speciale, che prevede l’esecuzione da parte del Coro dell’Arena di Verona di uno dei capolavori del grande compositore di Pesaro nella sua versione originale: la “Petite Messe Solennelle” per soli, coro, due pianoforti e harmonium, considerata il suo testamento spirituale, sabato 19 maggio alle ore 20.00 al Teatro Filarmonico di Verona.
Dal podio, dirige  il Maestro del Coro areniano Vito Lombardi.

 » Leggi di più: LA PETITE MESSE
di GIOACCHINO ROSSINI
al FILARMONICO di VERONA
con l’intervento straordinario
di Cecilia Gasdia all’harmonium  »

LA TOMBA TEMPLARE
A VERONA
Gli studi indirizzano l’attribuzione
ad Arnau De Torroja
in attesa del DNA test

Talvolta alcuni frammenti di storia riemergono dalle nebbie del tempo e le vicende note a pochi tornano all’attenzione dei molti. La prudenza era d’obbligo e le formule dubitative si sono moltiplicate, durante il convegno storico-scientifico che ha presentato gli esiti delle indagini effettuate su una delle tombe site nel chiostro della chiesa di San Fermo maggiore a Verona. Gli indizi raccolti durante gli studi multidisciplinari – storici, archivistici, archeologici e antropologici –

 » Leggi di più: LA TOMBA TEMPLARE
A VERONA
Gli studi indirizzano l’attribuzione
ad Arnau De Torroja
in attesa del DNA test  »

ITALIANISSIMA
Omaggio al Novecento
sulle rive del Lago di Garda

Il MuSa, Museo di Salò, ospita dal 13 aprile al 9 dicembre la mostra “Italianissima”, un appassionante percorso costituito da oltre ottanta opere di artisti tra cui Birolli, Campigli, Carrà, Casorati, de Chirico, de Pisis, Guttuso, Maccari, Mafai, Manzù, Marini, Marussig, Migneco, Paresce, Prampolini, Rosai e Scipione.
Le atmosfere magiche e irreali delle opere in mostra ci conducono in una realtà lontana da qualsiasi nostra esperienza. Un incessante peregrinare oltre l’apparenza delle cose,

 » Leggi di più: ITALIANISSIMA
Omaggio al Novecento
sulle rive del Lago di Garda  »

BRESSANONE
SI ILLUMINA DI MAGIA
Festival di acqua e luce
nella città vescovile altoatesina

L’acqua è vita e la luce è arte. Il “Festival di Acqua e Luce” si tiene dal 10 al 26 maggio 2018 a Bressanone, e combina questi due elementi con arte, cultura e musica in un’atmosfera magica, per dare vita a un evento unico in Italia.
Quattordici artisti provenienti da tutto il mondo, con ventisette installazioni luminose, reinterpretano i tesori culturali e storici, nonché i punti d’acqua della città vescovile dell’Alto Adige,

 » Leggi di più: BRESSANONE
SI ILLUMINA DI MAGIA
Festival di acqua e luce
nella città vescovile altoatesina  »

JOHN RUSKIN E VENEZIA
Prestiti internazionali
per il primo tributo italiano
all’eclettico artista inglese

Cosa sarebbe il mito di Venezia senza John Ruskin, cantore della bellezza eterna della città, tanto più affascinante ed estrema perché colta nella sua decadenza? Personaggio centrale nel panorama artistico internazionale del XIX secolo, scrittore, pittore e critico d’arte, l’inglese John Ruskin (1819-1900) ebbe un legame fortissimo con la città lagunare, alla quale dedicò la sua opera letteraria più nota, “Le pietre di Venezia”: uno studio della sua architettura, sondata e descritta nei particolari più minuti,

 » Leggi di più: JOHN RUSKIN E VENEZIA
Prestiti internazionali
per il primo tributo italiano
all’eclettico artista inglese  »

IL PENSIERO VISUALE DI MIRÒ
Per la prima volta in Italia
i capolavori della collezione portoghese

La Fondazione Bano e il Comune di Padova accolgono nella sede di Palazzo Zabarella, nel cuore di Padova, in prima mondiale al di fuori del territorio portoghese, l’importantissima Collezione Miró conservata nella città di Porto. Organizzata da Fundação de Serralves – Museu de Arte Contemporânea, Porto, “Joan Miró: materialità e metamorfosi” riunisce ben ottantacinque tra quadri, disegni, sculture, collages e arazzi, tutti provenienti dalla straordinaria collezione di opere del maestro catalano di proprietà dello Stato portoghese.

 » Leggi di più: IL PENSIERO VISUALE DI MIRÒ
Per la prima volta in Italia
i capolavori della collezione portoghese  »

UN VIAGGIO NELLO SPIRITO
La modernità dell’arte italiana di fine Ottocento

La mostra Stati d’animo. Arte e psiche tra Previati e Boccioni, allestita al Palazzo dei Diamanti a Ferrara, si propone di posare uno sguardo nuovo sull’arte italiana di fine Ottocento. Nella rassegna viene infatti indagata per la prima volta la poetica degli stati d’animo e con essa uno dei fondamentali apporti del nostro Paese all’arte moderna. Opere manifesto quali Ave Maria a trasbordo di Giovanni Segantini,

 » Leggi di più: UN VIAGGIO NELLO SPIRITO
La modernità dell’arte italiana di fine Ottocento  »

Post più vecchi››