Vai a…
RSS Feed

PERUGIA
Galleria Nazionale dell’Umbria
RIAPRE LA MOSTRA:
TADDEO DI BARTOLO

Era rimasta aperta un solo giorno
la prima monografica del pittore senese
100 tavole del Tre-Quattrocento

Nuove date 28 maggio – 30 agosto 2020


Giovedì 28 maggio 2020, la Galleria Nazionale dell’Umbria di Perugia riapre al pubblico le proprie sale, dopo la chiusura forzata a causa dell’emergenza Coronavirus.Oltre al normale percorso di visita, si potrà tornare ad ammirare la prima ampia monografica dedicata a Taddeo di Bartolo (1362 ca. – 1422), una delle più significative presenze artistiche dell’epoca, in patria e non solo. Da vero e proprio maestro itinerante, infatti, egli trascorse buona parte della carriera spostandosi tra Toscana, Liguria, Umbria e Lazio al servizio di famiglie politicamente ed economicamente potenti, autorità pubbliche, grandi ordini religiosi e confraternite.

Curata da Gail E. Solberg, la più accreditata studiosa del pittore, la mostra, rimasta aperta solo un giorno, presenta circa cento tavole del pittore senese, in grado di ricostruire l’intera sua parabola artistica, dalla fine degli anni ottanta del Trecento, fino al 1420-22, con prestiti provenienti da prestigiosi musei internazionali, quali il Musée des Beux-Arts di Nancy e il Szépmuvészeti Múzeum di Budapest, e con la decisiva collaborazione di enti e istituti italiani.
«Riaprire le sale della Galleria Nazionale dell’Umbria – afferma il suo direttore, Marco Pierini – è un segnale di grande rilevanza che dev’essere salutato con grande entusiasmo, pur nella consapevolezza che il rispetto di alcune importanti regole di fruizione sia necessario per garantire la sicurezza del pubblico e del personale della Galleria.
Dal 28 maggio, potremo inoltre consentire la visita alla mostra di Taddeo di Bartolo – prosegue Marco Pierini – che eravamo riusciti ad aprire solamente per un giorno, grazie alla disponibilità di tutti i prestatori che hanno confermato la presenza delle opere fino al 30 agosto. Il desiderio è che i perugini e gli umbri, in attesa che sia data la possibilità agli amanti dell’arte delle altre regioni di raggiungere Perugia, possano godere appieno, seppur con le difficoltà di accesso cui siamo stati abituati in questi mesi, della straordinaria bellezza che il “maestro del polittico” senese ha sapientemente dosato nei suoi capolavori».

LA PRIMA MOSTRA MONOGRAFICA MAI DEDICATA A
TADDEO DI BARTOLO (1362 ca.-1422)
L’esposizione presenta 100 tavole del pittore senese, una delle più significative presenze artistiche dell’epoca. Per l’occasione è ricostruita l’imponente pala, ormai smembrata, di San Francesco al Prato di Perugia.

La Galleria Nazionale dell’Umbria di Perugia è teatro di un eccezionale evento espositivo.
Per la prima volta si tiene un’ampia monografica dedicata a Taddeo di Bartolo (1362 ca. – 1422), una delle più significative presenze artistiche dell’epoca, in patria e non solo. Da vero e proprio maestro itinerante, infatti, egli trascorse buona parte della carriera spostandosi tra Toscana, Liguria, Umbria, e Lazio al servizio di famiglie politicamente ed economicamente potenti, autorità pubbliche, grandi ordini religiosi e confraternite.

Taddeo di Bartolo, Adorazione dei Magi, Pinacoteca Nazionale di Siena, Polo Museale della Toscana

La mostra, curata da Gail E. Solberg, la più accreditata studiosa del pittore, presenta circa 100 tavole del pittore senese, in grado di ricostruire l’intera sua parabola artistica, dalla fine degli anni ottanta del Trecento, fino al 1420-22, con prestiti provenienti da prestigiosi musei internazionali, quali il Louvre di Parigi e il Szépművészeti Múzeum di Budapest, e con la decisiva collaborazione di enti e istituti italiani.
Taddeo di Bartolo è stato nel suo tempo il più grande “maestro del polittico”. La rassegna dà quindi particolare enfasi a questa forma d’arte sacra, grazie alla presenza di pale complete e di tavole disassemblate che, riaffiancate, consentono di ricomporre per la prima volta i complessi di appartenenza.  

Taddeo di Bartolo, tavolette di predella con Storie di San Francesco dal polittico di San Francesco al Prato, Niedersachsisches Landesmuseum Hannover

Per l’occasione, in un ambiente che ricrea l’interno di una chiesa francescana ad aula, è stato ricostruito l’imponente apparato figurativo della ormai smembrata pala di San Francesco al Prato di Perugia, di cui la Galleria Nazionale dell’Umbria conserva ben 13 elementi. A questi si aggiungono le parti mancanti, finora individuate, come le sette tavole della predella raffiguranti Storie di san Francesco, conservate tra il Landesmuseum di Hannover (Germania) e il Kasteel Huis Berg a s’-Heerenberg (Paesi Bassi), e il piccolo San Sebastiano del Museo di Capodimonte a Napoli, che probabilmente decorava uno dei piloni della carpenteria.

Taddeo di Bartolo, Santo Stefano, Museo di Palazzo Ducale, Gubbio

Dal Palazzo Ducale di Gubbio giungono le otto tavolette, dipinte a tempera su fondo oro con figure di Santi, originariamente appartenute al polittico della chiesa eugubina di San Domenico. Questi lavori di Taddeo di Bartolo sono stati recentemente acquisiti dal MiBACT, che ha esercitato il diritto di prelazione riconoscendo in essi un eccezionale interesse storico-artistico, restituendoli così al patrimonio culturale della città. La mostra documenta inoltre le altre tipologie di opere, come gli stendardi processionali o le piccole tavole di devozione privata, consentendo una ricostruzione quanto più completa del suo catalogo.
Si tratta quindi di una panoramica completa dell’arte di Taddeo, dalla prima opera firmata e datata – alla quale apparteneva l’Annunciazione del KODE Museum di Bergen (Norvegia) (1389) – fino alla Madonna Avvocata del Museo di Arte Sacra di Orte (VT), del 1420, passando attraverso prove capitali della sua carriera quali il polittico di Montepulciano, di cui si espongono le tre cuspidi, e l’imponente polittico della Pinacoteca di Volterra (PI).
Il percorso, diviso in sette sezioni, si apre proprio con la prima opera firmata e datata da Taddeo: il polittico Collegalli del 1389, presente attraverso due cuspidi in prestito dal museo norvegese, cui si affianca lo scomparto centrale dell’opera eseguita intorno al 1390 per San Miniato. Questi lavori, tracciano un percorso che progressivamente si allontana da Siena verso nord, lungo la via Francigena e documentano un giro di committenze sempre più importante al di fuori delle mura senesi.

Il secondo capitolo è dedicato agli anni novanta del Trecento, un decennio che vide Taddeo lasciare Siena per viaggiare a Firenze, Lucca, la Liguria, fino a Pisa che raggiunse verso il 1395. Lo spazio dedicato alle opere pisane conta, rispetto alle altre sezioni della mostra, il maggior numero di pale d’altare ricomposte, tra cui spiccano le due Madonne che si riuniscono, per la prima volta dopo due secoli, con i santi laterali custoditi a Pisa.
La mostra prosegue con il ritorno di Taddeo a Pisa, nel settembre 1399, dove si aggiudicò ampi cicli di affreschi all’interno dei principali edifici cittadini, come l’abside del duomo (1401-1405), la cappella e l’anticappella dei priori in Palazzo Pubblico (1406-1408 e 1413-1414).
L’importante attività di Taddeo di Bartolo come frescante è illustrata da una ricostruzione video in 3D degli affreschi di Palazzo Pubblico, parte di un ricco apparato multimediale che si ripropone di documentare i restauri e le indagini diagnostiche eseguiti in occasione della mostra, grazie al contributo della Galleria Nazionale dell’Umbria, e di illustrare l’altissima qualità tecnica e stilistica della produzione di questo grande maestro.

Taddeo di Bartolo, Arcangelo Gabriele, cuspide del polittico del 1401, Capitolo del Duomo di Montepulciano | Foto di Mario Verdelli

In questa sezione, accanto alle cuspidi del trittico del 1401 di Montepulciano, si trova una serie di tavole che documentano la produzione della sua bottega nel suo quinquennio senese, tra cui si segnala un trittico mariano integro del 1400-1405 destinato a una confraternita laica, oltre a dipinti provenienti da polittici destinati ad altari gentilizi in chiese agostiniane, servite e domenicane.
Nei più antichi polittici, la narrazione rivestiva un ruolo fondamentale, spesso raccontata nelle predelle. A Siena, tuttavia, non era raro leggere una storia nel campo principale. L’esempio della Maestà di Duccio e dei trittici di Simone Martini, dei fratelli Lorenzetti e di Bartolomeo Bulgarini, non lasciarono indifferente Taddeo al punto da ispirarlo nella creazione della Natività del 1404 e dell’Annunciazione del 1409, opere destinate agli altari della città. Il percorso documenta questa sua fase creativa, presentando gli elementi appartenenti ai due trittici senesi, insieme alla magnifica Pentecoste del 1403 per Perugia che rivelano un pittore pronto a sorprendere gli spettatori sconvolgendo le loro attese. Da questo si deduce che, quando ebbe occasione di dipingere una scena narrativa complessa, Taddeo si distinse realizzando alcune tra le sue migliori opere. Queste storie lo svincolavano dalla necessità di ripetere i soggetti canonici richiesti dalla maggior parte dei clienti, scatenando la sua fantasia.

Taddeo di Bartolo, Polittico bifacciale di San Francesco al Prato, 1403, Galleria Nazionale dell’Umbria

Dal fulcro della mostra, rappresentato dal polittico francescano di Perugia, si giungerà nella sezione in cui vengono proposti gli elementi innovativi che Taddeo introduceva nelle sue opere; nel corso della sua carriera, l’artista senese mai smise di rinnovare i soggetti più usati, sia dal punto di vista tecnico che da quello espressivo. Un caso evidente è la Madonna col Bambino che presenta evidenti modifiche, allorché si guardi quella del 1390 per San Miniato, quella del 1403 per Perugia o quella del 1411 per Volterra. A cavallo del 1400, inoltre, nelle figure dipinte da Taddeo, si nota un deciso aumento di volume di peso. Personaggi carnosi che fanno la loro comparsa nelle cuspidi di Montepulciano del 1401 migrano nella Pentecoste del 1403 e continuano a maturare negli anni seguenti. Il fascino delle Madonne tarde, risiede in un cambio di stile ben ponderato; si leggono come le prime parole di una nuova lingua che altri avrebbero cercato d’imparare nel corso del Quattrocento.
La mostra si chiude con la statua in legno dipinto della Madonna del Magnificat, di fatto, l’ultima opera cui partecipò Taddeo di Bartolo.
L’esposizione è accompagnata da un catalogo scientifico bilingue (italiano e inglese) edito da Silvana Editoriale, contenente saggi di Gail E. Solberg, Emanuele Zappasodi, Veruska Picchiarelli, Donal Cooper e Alberto Sartore, Machtelt Brüggen Israëls, Christa Gardner von Teuffel, Daniele Costantini, Cristina Tomassetti ed Emanuela Massa.
Com’è ormai consuetudine della Galleria, in occasione della mostra verrà realizzata anche una pubblicazione ad hoc per il pubblico dei più piccoli, una favola-racconto su Taddeo scritta da Carla Scagliosi, funzionario storico dell’arte della Galleria, illustrata dalla disegnatrice Chiara Galletti ed edita da Aguaplano.

C.S.
Fonte: CLP Relazioni pubbliche e Ufficio Stampa Gan-Umb

TADDEO DI BARTOLO (1362 ca.-1422)
7 marzo – 7 giugno 2020 (date previste prima del coronavirus)
Nuove date: 28 maggio – 30 agosto 2020

Norme di fruizione:
– Articolazione delle code in ingresso al fine di permettere la presenza di un solo visitatore in biglietteria/bookshop.
– No prenotazione obbligatoria.
– Mascherina obbligatoria.
– Sanificazione delle mani all’ingresso.
– Misurazione della temperatura tramite termoscanner all’ingresso.
– Contingentamento dei visitatori con numero massimo di compresenza per ogni sala.

Galleria Nazionale dell’Umbria
Palazzo dei Priori
Corso Vannucci 19, 6123 Perugia
Info biglietteria/bookshop
T. +39 075 5721009
gnu@sistemamuseo.it

www.gallerianazionaledellumbria.it
https://www.facebook.com/GalleriaUmbriaPerugia

PERCORSI VIRTUALI DURANTE IL CORONAVIRUS
Il patrimonio che i luoghi della cultura conservano è la traccia di una memoria che ha resistito al tempo e alle contingenze. Per questo anche la Galleria nazionale dell’Umbria aderisce alla campagna #iorestoacasa, consapevole che chiudere fisicamente non equivalga a smettere di rispondere alla missione di valorizzazione dei beni che custodiamo: per questa ragione abbiamo cercato alternative che potessero quantomeno regalare momenti di piacere, di conoscenza e di condivisione.

Con #laGalleriatifacompagnia e #allopera, accompagneremo le attività online disponibili sulle nostre piattaforme social (Facebook, Twitter e Instagram) e su YouTube. Inoltre inaugureremo anche un profilo su Spotify, fortemente convinti che ogni forma d’arte in questo momento può concorrere a fare compagnia.
Il programma di promozione intende rispondere alle esigenze delle varie tipologie di pubblico: pertanto abbiamo cercato di declinare le rubriche giornaliere con temi e attività che possano coinvolgere e interessare tutti, dai bambini, con #FavolARTE, ai giovani, con #laGalleriatifacompagnia con Spotify, agli adulti con #risveglioadArte.
Non racconteremo solo le collezioni – #allopera, #storie, #èlaltraGalleria, #truccoeparrucco dal #dietrolequinte e l’archivio digitale –  ma anche e soprattutto la mostra su Taddeo di Bartolo #congliocchidiTaddeo, #timostrolamostra.
Abbiamo il privilegio di poter raccontare la bellezza e di portarla nelle case di tutti. E abbiamo tutte le intenzioni di farlo.
PROGETTO InCamera
La Galleria Nazionale dell’Umbria di Perugia e il Collettivo BecomingX – Art+Sound Collective hanno ideato il progetto InCamera, una performance collettiva in diretta internet, dove dieci artisti via web cam disegnano in diretta, accompagnati da un dj set dedicato. Gli illustratori si cimenteranno su un’unica tematica, ispirata da titoli di quadri e opere di grandi artisti.

Il primo appuntamento, in programma venerdì 3 aprile alle ore 19.00, sarà trasmesso in diretta sulla pagina Facebook della Galleria Nazionale dell’Umbria, ruoterà attorno a “L’urlo”: un urlo che può essere di alienazione, di rabbia, di sfogo, di paura, ma anche di gioia e liberazione.
L’evento si lega all’iniziativa #iorestoacasa #ioleggoacasa del Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo, in collaborazione con la casa editrice Coconino Press – Fandango: venerdì 3 aprile, sarà inoltre possibile leggere on line gratuitamente il fumetto Tutti i Santi di Andrea Settimo ispirato dalla Galleria Nazionale dell’Umbria. L’albo fa parte della collana gialla con la civetta Fumetti nei Musei.
(https://www.youtube.com/watch?v=D6ixbzYXHmg&t=1130s​)

Dopo il successo del primo appuntamento, venerdì 17 aprile alle ore 19.00, torna InCamera. La nuova performance collettiva coinvolgerà sei artisti – Silvia Alcidi, Laura Aschieri, Moreno Chiacchiera, Francesco Gaggia, Valentina Formisano, Alessia Properzi – che disegneranno via web cam, accompagnati dal dj set di Newcombe appositamente pensato, tutto rigorosamente in diretta e dal vivo.
Gli illustratori e il musicista si cimenteranno su un’unica tematica, ispirata da titoli di quadri e opere di grandi artisti: è il turno de “La persistenza della memoria” (1931) di Salvador Dalì. Sfidiamo i sei artisti del Collettivo Becoming X sulla reinterpretazione dell’archetipo per eccellenza: la memoria, motore di storia, di narrazioni, di ipotesi. Ma soprattutto di libertà.

Continua il racconto di InCamera con un terzo appuntamento, venerdì 24 aprile alle ore 19.00: torna il progetto di live drawing in streaming, ideato dalla Galleria Nazionale dell’Umbria e da BecomingX – Art+Sound Collective, trasmesso in diretta sulla pagina Facebook della Galleria Nazionale dell’Umbria.
La nuova performance collettiva coinvolge sei nuovi artisti – Emanuele Barduagni, David Ferracci, Chiara Dionigi, Chiara Galletti, Daisy Ingrosso, Francesca Mantuano – che disegnano via web cam, accompagnati dal dj set di Newcombe dal vivo.
Venerdì 24 aprile gli illustratori e il musicista si confrontano su un’unica tematica, come sempre ispirata da titoli di quadri e opere di grandi artisti: è il turno di Quadrato Rosso (1915) di Kazimir Malevic, che vuole legare lo sviluppo dell’arco narrativo del progetto InCamera alle celebrazioni del 25 aprile.
Dopo due opere molto diverse tra loro ma entrambe legate alla forma e alla figurazione, come L’Urlo, e La persistenza della memoria, i sei artisti del Collettivo Becoming X saranno sfidati a rappresentare un’espressione senza rappresentazione dell’arte suprematista: potranno lasciarsi ispirare o usarla come suggestione, misurandosi anche con i temi propri del 25 aprile e della Liberazione.

Quarto e ultimo episodio di #InCamera, progetto di live drawing in streaming, ideato dalla Galleria Nazionale dell’Umbria e da Becoming X – Art+Sound Collective trasmesso in diretta sulla pagina Facebook della Galleria Nazionale dell’Umbria. Sei artisti. Una tematica. Un Dj set live. In streaming.
Venerdì primo maggio alle ore 19.00 sulla pagina Facebook della Galleria Nazionale dell’Umbria, gli illustratori e il musicista Saro Occhipinti ‘Newcombe’ del Collettivo si confronteranno su un’unica tematica, come sempre ispirata da titoli di quadri e opere di grandi artisti: è il turno di Four Darks in Red (1958) di Mark Rothko, che guiderà il Progetto #InCamera dentro la Festa dei Lavoratori: c’è un filo rosso tra il Lavoro e le forme astratte dell’artista americano che evocano ciò che lui stesso chiamava “le emozioni base: tragedia estasi e destino”.
Chiudiamo l’arco narrativo del Progetto #InCamera misurando i nostri disegnatori sulla pura percezione del capolavoro di Rothko da una parte e sui temi e le problematiche legate al Lavoro, partendo ognuno dalla propria sensibilità personale e dalla propria poetica artistica. Gli artisti coinvolti: Marco Bargagna (Mr. Bad), Lucia Biancalana, Valentina Bolognini, Michela Nanut, Daniele Pampanelli, Umberto Stagni

C.S.
Fonte: CLP Relazioni Pubbliche e Ufficio Stampa Galleria Nazionale Umbria

www.gallerianazionaledellumbria.it https://www.facebook.com/GalleriaUmbriaPerugia

Tags: , ,

Altre storie daArsit Artes

About Maria Fleurent