Vai a…
RSS Feed

MILANO
PAC ~ Padiglione d’arte contemporanea
ARRIVANO I FAMILY LAB DIGITALI
Archivio mostre e diaries on line


Anche il PAC Padiglione d’Arte Contemporanea di Milano risponde all’appello #museichiusimuseiaperti #iorestoacasa e lancia i Family LAB Digitali del PAC, brevi video pensati come un’estensione web dei laboratori per famiglie che lo spazio milanese da anni organizza per le sue mostre. In questa prima serie si parte da un confronto tra due artisti, uno dei quali ha esposto proprio al PAC in passato, per poi sperimentare e giocare insieme ispirati da un’opera o da una particolare tecnica. I laboratori saranno settimanali e visibili per ora sui canali Instagram e Facebook di @pacmilano, presto disponibili anche su Youtube. 

Vuoi scoprire gran parte delle mostre che si sono tenute al PAC a partire dal 1979?
Esplora l’archivio online: foto, video e immagini di repertorio aspettano solo di essere rispolverati.

PCM DIARIES
Abbiamo pensato di proporre una rilettura delle esposizioni di cui ci siamo occupati, per verificarne la loro attualità, coinvolgendo attivamente le persone che quotidianamente arricchiscono con la loro presenza e con il loro lavoro le nostre giornate. Con il progetto PCMDiaries sul nostro canale Instagram e Facebook proponiamo una raccolta di video-racconti, a comporre un diario virtuale di testimonianze, ricordi e riletture – con gli occhi di oggi – su progetti espositivi già conclusi. Un modo per riflettere sulla capacità dell’arte di raccontarci il mondo in cui viviamo, di mettere in luce l’eredità di pensiero e visione che una mostra o un artista possono portarci  e di restare vicini anche da lontano: Leonardo Merlini su Cesare Viel “Più nessuno da nessuna parte” al PAC, Milano; Luca Beatrice su Helen Frankenthaler “Sea change” da Gagosian, Roma; Manuela de Leonardis su Kiluanji Kia Henda “Something happened on the way to heaven” al MAN, Nuoro.

#PCMDiaries #iorestoacasa #distantimavicini

C.S.
Copyright © 2020 PCM Studio

www.pacmilano.it

Tags: , ,

Altre storie daArsit Artes

About Maria Fleurent