Vai a…
RSS Feed

MILANO
Fondazione ICA
LA SIMMETRIA DELLA FRAGILITÀ
Progetto espositivo virtuale di
Risorgimento-Milan virtual art summer

23 Giugno ~ 5 Luglio 2020


Fondazione ICA Milano presenta La simmetria della fragilità, mostra collettiva dedicata a uno dei temi più interessanti emersi in questi oltre 70 giorni di convivenza con la pandemia, un progetto concepito e realizzato per il Massimo De Carlo Virtual Space.
La mostra si inserisce nel progetto Risorgimento – Milan Virtual Art Summer promosso durante l’estate dalla galleria Massimo de Carlo che ha invitato cinque spazi espositivi milanesi a sperimentare il connubio tra arte e realtà virtuale mettendo a disposizione il proprio VSpace. ICA sarà protagonista da martedì 23 giugno a domenica 5 luglio 2020 con la terza proposta espositiva di VSpace.
 
La mostra La simmetria della fragilità è curata da Alberto Salvadori e Luigi Fassi e presenta una selezione di opere di Maliheh Afnan, Miriam Cahn, Lisetta Carmi, Louis Fratino, Arjan Martins, Jennifer Packer, Andy Robert, Cathy Josefowitz e Portia Zvavahera. Il percorso espositivo virtuale si compone di opere realizzate da autori con differenti origini, enciclopedie conoscitive e generazioni di appartenenza, accomunati però da un approccio al reale caratterizzato da valori riconducibili al concetto di “fragilità”.
 
Nella comune accezione contemporanea la fragilità è sbrigativamente annoverata tra le condizioni negative di inferiorità, difetto di origine da correggersi pena la marginalizzazione sociale e la condanna all’inutilità. Esiste tuttavia una linea di pensiero ampiamente seguita, avvalorata dalle riflessioni dell’arte in tutte le sue forme e dalle ricerche della medicina e della psicologia, che vuole nella fragilità celati valori di sensibilità e delicatezza, di dignità e gentilezza. Una qualità primaria della fragilità è la sua capacità di favorire la comprensione dell’altro, aprendo alla dimensione della cura e della comunità, sino all’intuizione dell’indicibile e dell’invisibile che ci accompagnano nella vita.
 
Scrivono i curatori Alberto Salvadori e Luigi Fassi nel testo che accompagna la mostra: La fragilità è un equilibrio costantemente instabile ma anche qualcosa che esiste come dato essenziale inerente a ogni momento della condizione umana. Ecco allora che la fragilità è anche uno stato di grazia, come elemento di formazione e crescita attraverso le esperienze in ogni età della vita, e condizione fondativa all’avventura delle esperienze interpersonali.
La fragilità, secondo le parole di Eugenio Borgna, è il destino di ognuno di noi e si intreccia con la coscienza della vulnerabilità della natura umana, in cui ciascuno è persona in quanto aperto a una dimensione relazionale, fatta di parole, gesti di ascolto e accoglienza degli altri.

 
Le parole, essenzialmente fragili come le immagini, sono in realtà potentissime poiché portatrici di significati inattesi e trascendenti, luminosi e oscuri. Per ascoltare occorre tacere, per vedere occorre ascoltare. Non tutto è dicibile, non tutto è esprimibile; il silenzio di un quadro ci permette così di porci in ascolto senza illuderci di poter spiegare i pensieri e le emozioni che proviamo di fronte ad esso. Il silenzio e la parola che per fragilità tace, possono rivelarsi più potenti, più forti e resistenti di chi parla.
Rifuggire le parole inutili per cercare quelle necessarie richiede lo spazio del silenzio e la ricerca di un altro elemento – la gioia – sospeso tra fragilità e assoluto. La gioia non vive né del passato né del futuro, ma è un momento di meraviglioso accrescimento del presente, radicalmente diverso dalla felicità.
 
Proseguendo l’approccio digitale applicato alla mostra di Charles Atlas e al calendario di lecture Connessioni Inventive, realizzato in collaborazione con il MAN di Nuoro, Fondazione ICA Milano compie un nuovo passo verso la sperimentazione virtuale immaginando nuove modalità di diffusione e promozione delle arti contemporanee attraverso una modalità di interazione a distanza che diventa immersiva grazie alla tecnologia 3D.

GLI ARTISTI
Maliheh Afnan (1935 Haifa, Palestina – 2016 Londra, Regno Unito).
Miriam Cahn (1949 Basilea, Svizzera). Vive e lavora a Stampa, Svizzera.
Lisetta Carmi (1924 Genova, Italia). Vive a Cisternino, Brindisi, Italia.
Louis Fratino (1993 Annapolis, USA). Vive e lavora a New York, USA.
Arjan Martins (1960 Rio de Janeiro, Brasile). Vive e lavora Rio de Janeiro, Brasile.
Jennifer Packer (1984 Philadelphia, USA). Vive e lavora a New York, USA.
Andy Robert (1984 Les Cayes, Haiti). Vive e lavora a New York, USA.
Cathy Josefowitz (1956 New York, USA – 2014 Ginevra, Svizzera).
Portia Zvavahera (1985 Harare Zimbabwe. Vive e lavora ad Harare,Zimbabwe.
 
I CURATORI
Alberto Salvadori (1969, Italia)
Si laurea in Storia dell’Arte presso l’Università di Pisa, dove consegue anche la Specializzazione in Storia dell’Arte Moderna e Contemporanea dei Paesi Europei. Ha studiato presso la Sussex University e la Reading University e nel 2001 consegue il master in studi curatoriali presso l’Accademia d’Arte di Brera a Milano. Ha curato il catalogo della collezione della Galleria d’Arte Moderna Palazzo Pitti a Firenze e dal 2009 al 2016 ha diretto il Museo Marino Marini di Firenze. Dal 2017 è curatore delle sezioni Established Masters e Decades per la fiera d’arte moderna e contemporanea MiArt.
Attualmente è Direttore di OAC, progetto della Fondazione CR Firenze e dal 2019 è alla direzione di ICA Milano, fondazione privata non-profit fondata dallo stesso Salvadori insieme a Bruno Bolfo, Giancarlo Bonollo, Enea Righi e Lorenzo Sassoli de Bianchi, presidente dell’istituzione.
 
Luigi Fassi (1977, Italia)
Luigi Fassi è direttore artistico del museo MAN di Nuoro. Visual Art Curator presso lo Steirischer Herbst Festival di Graz, Austria dal 2013 al 2017, dal 2009 al 2012 è stato direttore artistico del Kunstverein ar/ge kunst di Bolzano. Helena Rubinstein Curatorial Fellow al Whitney Museum ISP di New York nel 2008-09, ha organizzato mostre per diverse istituzioni internazionalmente, tra cui Malmö Konstmuseum, Svezia; FRAC Corsica, Francia; GAM, Torino; Museo Marino Marini, Firenze; Kunsthalle Helsinki, Finlandia; Pori Art Museum, Finlandia; ISCP, New York, Stati Uniti. Suoi articoli e testi sono apparsi su Mousse, Flash Art, Artforum, Camera Austria, Site. Dal 2010 al 2017 è stato curatore di Present Future ad Artissima, Torino. Nel 2016 è stato curatore del Festival Curated_by a Vienna e della XVI edizione della Quadriennale d’Arte di Roma. Attualmente è membro del comitato di selezione della fiera Artorama a Marsiglia.

FONDAZIONE ICA
Fondazione ICA Milano – Istituto Contemporaneo per le Arti è una fondazione privata non profit dedicata alle arti e alla cultura contemporanea, alla ricerca e alla sperimentazione, nella quale convergono diverse forze e tipologie di protagonisti del mondo dell’arte: artisti, collezionisti, professionisti del settore, appassionati.
Diretto da Alberto Salvadori, ICA è il primo Istituto Contemporaneo per le Arti che sorge al di fuori del mondo anglosassone, situato nell’ex area industriale di via Orobia a Milano.
L’attività dell’Istituto si sostanzia in un’offerta alla città e al pubblico, dove condivisione e partecipazione sono le parole chiave per comprenderne l’attitudine. Mostre, editoria d’arte, ceramica, cinema, performance, musica, letteratura, attività seminariali di divulgazione, formazione, educazione e molto altro ancora costruiranno un percorso improntato su interdisciplinarità e transmedialità.
Espressione di una precisa identità ‘milanese’ che storicamente mette in relazione l’iniziativa privata con la dimensione istituzionale, ICA trova ispirazione nella cultura del give back, ossia restituire per condividere.
 
MASSIMO DE CARLO
RISORGIMENTO – MILAN VIRTUAL ART SUMMER
Con Risorgimento Milan Virtual Art Summer la galleria Massimo De Carlo chiama a raccolta le più interessanti realtà dell’arte contemporanea di Milano in un formato inaspettato e inconsueto. Durante l’estate il nuovo spazio virtuale Massimo De Carlo VSpace ospita cinque realtà milanesi che hanno concepito e realizzato progetti ad hoc per l’occasione. Realizzato grazie all’impiego delle tecnologie più recenti di progettazione tridimensionale, il Massimo De Carlo VSpace offre un’esperienza immersiva godibile attraverso il web e con l’hardware Oculus. Per la sua natura digitale, il VSpace è un’identità flessibile e dinamica: la piattaforma perfetta per essere interpretata e condivisa da realtà diverse e per sperimentare una nuova modalità espositiva per il sistema dell’arte contemporanea.

C.S.
Copyright © 2020 PCM Studio

Contributi in immagini: Portia Zvavahera, Cover Me, 2017.Collezione privata. Courtesy Stevenson Gallery, Johannesburg, Cape Town.
Louis Fratino, 10am, 2019. Collezione privata, Qatar. Courtesy Antoine Levi, Paris.

LA SIMMETRIA DELLA FRAGILITÀ
23 giugno – 5 luglio 2020

Massimo De Carlo Virtual Space
www.massimodecarlo.com/vspace

ICA Milano | Istituto Contemporaneo per le Arti
Via Orobia 26, 20139 Milano
office@icamilano.it
www.icamilano.it

Tags: , , ,

Altre storie daTribute To

About Maria Fleurent