Vai a…
RSS Feed

BARD (Valle d’Aosta)
Forte di Bard
L’ADIEU DES GLACIERS:
IL MONTE ROSA

Ricerca fotografica e scientifica
Progetto quadriennale
sui ghiacciai valdostani

1 Agosto 2020 ~ 6 Gennaio 2021


Un viaggio iconografico e scientifico tra i ghiacciai dei principali Quattromila della Valle d’Aosta per raccontare la storia delle loro trasformazioni. È questo il cuore del progetto“L’Adieu des glaciers: ricerca fotografica e scientifica”, prodotto dal Forte di Bard, che si traduce in un approfondito lavoro di studio attorno al Monte Rosa, al Cervino, al Gran Paradiso e al Monte Bianco. Il progetto si sviluppa nell’arco di quattro anni, uno per ciascuna realtà fisica e culturale connotativa della piccola regione alpina. Coinvolti nella realizzazione numerosi enti ed istituzioni. Prima tappa di questo tour sarà il massiccio del Monte Rosa. Nel 2021 sarà la volta del Cervino, nel 2022 toccherà al Gran Paradiso per concludere nel 2023, con il Monte Bianco. I contenuti del progetto saranno raccolti in quattro cataloghi annuali.

Per la mostra Il Monte Rosa: ricerca fotografica e scientifica, che sarà aperta al pubblico nelle sale delle Cannoniere dal 1° agosto 2020 al 6 gennaio 2021, il Forte di Bard si è affidato per la cura degli aspetti fotografici a Enrico Peyrot, fotografo e ricercatore storico-fotografico e, per la cura degli aspetti scientifici, a Michele Freppaz, professore del Dipartimento di Scienze Agrarie, Forestali e Alimentari dell’Università di Torino. L’apporto dei contenuti scientifici è stato condotto in collaborazione con il Comitato Glaciologico Italiano, la Cabina di Regia dei Ghiacciai Valdostani, la Fondazione Montagna Sicura, l’Arpa Valle d’Aosta, l’Archivio Scientifico e Tecnologico Università Torino (Astut), il Centro Interdipartimentale sui rischi naturali in ambiente montano e collinare, il Dipartimento di Neuroscienze dell’Università di Torino e con il professor Marco Giardino, segretario generale del Comitato Glaciologico Italiano e il professor Piergiorgio Montarolo, direttore dell’Istituto Scientifico Angelo Mosso.

«Crediamo profondamente che il Forte di Bard debba diventare il luogo in cui la ricerca e le tematiche che a vario titolo ruotano attorno alla montagna, si incontrano per trovare una originale espressione anche attraverso la declinazione delle arti – spiega la Presidente del Forte di Bard, Ornella Badery -. Le prospettive per il Forte di Bard sono di essere un vero e proprio laboratorio di analisi delle trasformazioni climatiche, ambientali e antropiche in atto sulle principali aree d’alta quota della Valle. Il progetto si tradurrà in quattro grandi mostre e in occasioni di incontro e approfondimento aperti al territorio, al mondo scientifico e artistico, e al grande pubblico oltre che alle scuole. Un progetto complesso, frutto di un lavoro di squadra tra studiosi ed esperti, che consente al Forte di recuperare la sua originaria vocazione di centro internazionale di studio e interpretazione sulla montagna».

Arch.CE.ADD.ALP

La mostra Il Monte Rosa: ricerca fotografica e scientifica, che gode del patrocinio della FAO- Mountain Partnership, presenta 100 opere fotografiche connotative di documentazioni scientifiche e/o artistiche. Un dialogo iconografico nel sedimento della cultura fotografica alpina, carico di suggestioni tra passato e presente. L’identità glaciale del Monte Rosa viene presentata attraverso un corpus di fotografie inedite che raffigurano ambienti naturali e antropizzati, contesti e sodalizi storico-culturali, imprese scientifiche.

Il progetto si avvale di opere di autorevoli autori e selezionate fotografie realizzate nel corso degli ultimi 150 anni e attualmente collezionate presso Enti pubblici, Università, Centri di ricerca, Associazioni, Fondazioni e privati. L’esposizione offre l’opportunità di apprezzare la qualità materico-fotografica delle stampe sia storiche che contemporanee, frutto di specifiche procedure, strumentazioni e materiali messi in opera – in ripresa – nelle alte valli che nascono dal Monte Rosa.

«Il duplice binario scientifico e fotografico della mostra descrive il fascino degli ambienti glaciali, unici e straordinari, ma anche la loro estrema fragilità – evidenzia il Direttore delForte di Bard, Maria Cristina Ronc -. L’osservazione che ci siamo posti e che proponiamoall’attento pubblico del Forte attraverso un panorama di immagini straordinarie e inedite, è unariflessione tramite la bellezza sullo scenario fisico e naturale di un mondo che cambia, sidepaupera dei suoi elementi fondanti per l’arco alpino e che presuppone un’umanità senzamondo rispetto al principio di sentirsi “a casa propria nel mondo”. È stato un appassionante ecomplesso lavoro di ricerca, condotto anche nel recupero dell’altrettanto fragile patrimoniofotografico».

I ghiacciai rispondono in modo diretto e rapido al cambiamento climatico modificando la propria massa e le proprie caratteristiche morfologiche e dinamiche: progressivoarretramento delle fronti glaciali, incremento delle zone crepacciate, formazione didepressioni e di laghi sulla superficie, aumento dell’instabilità di seracchi pensili. Dal terminedella Piccola Età Glaciale (fase di espansione dei ghiacciai Alpini protrattasi dal 1300 al 1850circa), la superficie dei ghiacciai dell’arco alpino si è ridotta di circa 2/3. In 30 anni (dagli anni’80 ad oggi) la superficie dei ghiacciai italiani si è ridotta del 40%, mentre il numero deighiacciai è aumentato a causa dell’intensa frammentazione dei ghiacciai più grandi cheriducendosi si dividono in singoli ghiacciai più piccoli. Monitorare le variazioni glaciali,consente da un lato di documentare l’impatto dei cambiamenti climatici e dall’altro divalutarne gli effetti sul territorio, con particolare attenzione agli elementi di fragilità checontraddistinguono le aree montane.

Valentino Curta arch.Guindani

LE SEZIONI DELLA MOSTRA
Angelo Mosso: lo studioso della fisiologia umana a grandi altezze
Professore di fisiologia umana dell’Università di Torino, dalla seconda metà dell’Ottocento ai primi del Novecento, organizzò una serie di esplorazioni scientifiche sul Monte Rosa, per lo studio del comportamento del corpo umano in alta quota. Dieci stampe fotografiche filologicamente tratte dalle lastre originali realizzate da Angelo Mosso e dal fotografo, suo studente, Beno Bizzozero sono la testimonianza visiva di tali spedizioni.

Umberto Monterin: il glaciologo e climatologo, figlio del Monte Rosa
Cresciuto a Gressoney-La-Trinité, ai piedi del versante valdostano del Monte Rosa, nei primi anni del Novecento si occupò con grande perizia dello studio dei ghiacciai alpini, con particolare riferimento al versante italiano del Monte Rosa. Dell’attività dello scienziato, la sezione presenta un corpus di stampe fotografiche filologicamente tratte dalle centinaia di lastre originali realizzate da Monterin e da fotografi non identificati, messe a disposizione dalla famiglia Monterin.

Il Monte Rosa: un laboratorio per la ricerca glaciologica contemporanea
Più di 100 autori, appartenenti a più di 40 enti di ricerca differenti, hanno contribuito a questa sezione della mostra, rispondendo a un invito del Comitato Glaciologico Italiano e descrivendo le attività di ricerca che li hanno visti protagonisti sul Monte Rosa. Un’accorta esposizione tramite segni grafici, fotografici e testuali permette di introdurre il visitatore alle più avanzate e recenti attività di esplorazione scientifica in alta montagna, negli ambienti glaciali alpini.

Ghiacciai, sentinelle del clima
I ghiacciai nelle Alpi europee hanno perso circa la metà del loro volume dai primi del ‘900, con una evidente accelerazione di tale processo a partire dagli anni ’80. Si tratta di fenomeni che si osservano anche a livello globale, e che possono essere efficacemente rappresentati attraverso il confronto di fotografie storiche ed attuali. Per quanto riguarda il Monte Rosa sarà esposto uno di tali confronti, che consiste in una ripresa fatta dal Monte Barbeston da Francesco Negri nel 1896 e, nel 2019 dal medesimo punto di vista, da Enrico Peyrot. Un’inequivocabile esemplificazione visiva dei cambiamenti climatici a livello globale, è rappresentata nella fotografia panoramica realizzata da Alberto De Agostini nel 1931 del ghiacciaio Upsala nell’America del Sud e, dal medesimo punto di vista, dalla ripresa a colori di Fabiano Ventura del 2016. Ventura è responsabile del progetto Sulle tracce dei ghiacciai, che attraverso il confronto fotografico, testimonia le variazioni climatiche in atto in tutto il Pianeta. Nel 2020 il progetto coinvolge proprio le Alpi.

Enit, Aosta, 1932. La “Prima mostra di Arte fotografica del paesaggio e dei monumenti di Aosta e Provincia”
La sezione si compone di un selezionato numero di fotografie relative al Monte Rosa realizzate tra fine Ottocento e i primi tre decenni del Novecento da Adolfo Freppa, Ernesto Curta, E. Giraudo, Francesco Negri, Vittorio Sella e altri autori non identificati. Si tratta di tavole fotografiche, di media, grande e grandissima dimensione – come ad esempio la panoramica di 100×280 cm dei versanti sud-ovest e sud-est del Monte Rosa – magistralmente stampate e virate da Vittorio Sella in occasione della mostra dell’Enit.

Tredici variazioni del Rosa
Una raccolta di stampe fotografiche originali quali, ad esempio, un’inedita albumina di Vittorio Besso degli anni ’80 dell’Ottocento dal titolo “Panorama del Ghiacciaio del Lys” e altri fototipi provenienti da realtà culturali scientifiche e istituzionali. Inoltre, sono presenti opere di fotografi che hanno inteso e/o continuano a vivere il Monte Rosa quale fonte d’ispirazione espressiva, come ad esempio Davide Camisasca, il fotografo dei ghiacciai.

Stereofotografie tra fine Ottocento e primo Novecento
Una decina di apparati stereoscopici a specchio, funzionali alla visione 3D delle fotografie di questa sezione, sono un’originale rivisitazione appositamente progettata per la mostraL’Adieu des Glaciers. Un omaggio quindi, al primo sistema stereoscopico inventato nel 1832 da sir Charles Wheatstone (1802/1875) e in eguale misura un “ritorno alla godibilità visiva” 3d delle meravigliose fotografie realizzate da raffinati abitanti di Gressoney e da alpinisti sui ghiacci del Rosa.

Gressoney-Saint-Jean, quattro generazioni di fotografi
Dalle albumine del protofotografo della Valle del Lys Alessandro Bonda (1844-1905), alle fascinose lastre dell’epopea della Regina Margherita e della Capanna a lei dedicata sulla cima della Punta Gnifetti di Valentino Curta (1861-1929). Dallo sguardo dei primi anni ‘20 al primo dopo guerra nel solido bianco/nero di Ernesto Curta (1890-1967). E infine la transizione alla fotografia analogica a colori del secondo Novecento e al successivo digitale, operata dal fotografo Lino Guindani (1933).

Il Trofeo Mezzalama
Non solo inabitati paesaggi montani e ghiacciati, e neppure solo scienziati curiosi e appassionati alpinisti: la sezione Trofeo Mezzalama presenta in chiave visiva una delle peculiarità dell’esteso corpo alpino del Monte Rosa: l’essere dal 1935 il “terreno di gioco” di una delle massime competizioni sci-alpinistiche mondiali. L’insieme delle forme abbaglianti dei ghiacciai e le turbolenze atmosferiche d’alta quota, le cordate degli atleti colti nella concitazione dell’azione e il creare fotografico in condizioni estreme, sono mirabilmente espresse in un tutt’uno visibile nelle inedite fotografie storiche risalenti ai primi anni ‘30 e nelle stampe fine art di medio e grande formato dei fotografi contemporanei.

arch.Camisasca_Mezzalama

I CURATORI
Michele Freppaz è professore di pedologia e nivologia presso il Dipartimento di Eccellenza Scienze Agrarie Forestali e Alimentari dell’Università di Torino. È Presidente del Centro, Interdipartimentale sui rischi naturali in ambiente montano e collinare e membro del Comitato Glaciologico Italiano. Nel 2009 è stato visiting professor presso l’Institute of Arctic and Alpine Research (University of Colorado), mentre dal 2014 è Direttore scientifico della Summer School IPROMO-International Programme on research and training on sustainable management of mountain areas, in collaborazione con la FAO-Mountain Partnership. Dal 2009 è responsabile scientifico del sito di ricerca LTER Istituto Mosso. L’attività scientifica negli anni si è concentrata sullo studio della criosfera, con particolare riferimento all’ecologia della neve e dei suoli in aree recentemente deglacializzate, con la partecipazione a progetti di ricerca non solo nelle Alpi, ma anche nelle Montagne Rocciose, Ande e Himalaya. È autore di più di 300 pubblicazioni scientifiche, di cui 88 in riviste indicizzate.

Enrico Peyrot è fotografo ed esperto della produzione fotografica storica soprattutto in ambito valdostano. In tal senso ha curato, dal 2002, mostre e pubblicazioni conducendo ricerche – per conto della Soprintendenza ai beni culturali della Valle d’Aosta, del Brel, dell’Avas e di collezionisti – relative ai fondi fotografici presenti presso Enti pubblici e privati. Tra le maggiori autonome ricerche fotografiche – tramite progetto e impiego di apposite fotocamere analogiche 20×25 cm e 30×40 cm – ha realizzato “PROTOTYPOI” nel 1989 e ha condotto, tra il 1990 e il 1994, la campagna fotografica in B/N “Voyage autour du Mont-Blanc”. Nel 2015, su incarico del Parco naturale del Monte Avic, ha effettuato una serie di immagini in photo stitching digitale.

C.S.
Fonte: Spaini & Partners, 22 luglio 2020

L’Adieu des glaciers, Il Monte Rosa: ricerca fotografica e scientifica
1° agosto 2020 – 6 gennaio 2021

Forte di Bard
11020 Bard – Valle d’Aosta
T. + 39 0125 833811
info@fortedibard.it

www.fortedibard.it

Tags: , ,

Altre storie daArsit Artes

About Maria Fleurent