Vai a…
RSS Feed

ROMA
Appia Antica
DAL TRAMONTO ALL’APPIA:
AROUND JAZZ

Nomi internazionali
e sperimentazioni
nel Parco Archeologico

11 Settembre ~ 3 Ottobre 2020


Uno scenario unico al mondo ospita la rassegna che in dieci concerti coniuga la libertà e l’inventiva della musica jazz con il fascino del patrimonio culturale diffuso lungo la via Appia Antica.  Dall’11 settembre al 3 ottobre 2020 l’Appia Antica sarà la direttrice lungo la quale si snoderanno, al crepuscolo e nel silenzio della campagna romana, i dieci appuntamenti della rassegna musicale “Dal Tramonto all’Appia. Around Jazz”, nata da un’idea di Marco Massa, con la direzione artistica di Fabio Giacchetta.

Nel solco di una tradizione ormai consolidata da diversi anni, i siti del Parco Archeologico saranno un’occasione unica per immergersi nella storia e nella bellezza del nostro patrimonio culturale attraverso la magia del jazz, interpretata da grandi protagonisti tra cui Paolo Fresu, Fabrizio Bosso, Gabriele Mirabassi, Roberto Gatto, Javier Girotto e Ramberto Ciammarughi, con ampio spazio a progetti in prima assoluta e alla contemporaneità.

Luoghi di grande suggestione, come il Mausoleo di Cecilia Metella, con l’imponente Castrum Caetani e l’affascinante chiesa di San Nicola (accessibili da via Appia Antica 161) e il Casale di Santa Maria Nova nell’area archeologica della Villa dei Quintili (ingresso da via Appia Antica 251) ospiteranno all’aperto, e in piena sicurezza, un articolato programma di concerti concepito come un cammino, un viaggio musicale attraverso il tempo.

La rassegna si inserisce in una speciale edizione del festival Dal Tramontoall’Appia che il Parco Archeologico ha voluto riproporre anche quest’anno nonostante la difficile situazione internazionale.

CONCERTI
Si inizia venerdì 11 settembre con una prima assoluta: il progetto “Changes” di Nicola Angelucci Quartet special guest Gabriele Mirabassi, uno dei migliori clarinettisti al mondo.
Sabato 12 settembre due concerti. “Atomic Bass”, un progetto ispirato dalla terribile esplosione della centrale nucleare di Fukushima in Giappone nel 2011, che nell’immaginario di Giuseppe Bassi, contrabbassista di grande sensibilità sociale, rappresenta la capacità dell’essere umano di adattarsi a tutte le situazioni. Special guest il sassofonista argentino Javier Girotto. Nella stessa data, un live con un trio internazionale porterà il pubblico a New York, dove il jazz è linguaggio, grazie alla ritmica del contrabbassista Ameen Saleem, del batterista Greg Hutchinson, insieme al pianista Domenico Sanna.

Paolo Fresu Ramberto Ciammarughi@Roberto Cifarelli

Altra anteprima assoluta, venerdì 18 settembre, per uno degli eventi più attesi di questa rassegna, in doppio appuntamento: l’inedito duo del trombettista Paolo Fresu, uno dei massimi esponenti del jazz nazionale e internazionale, e del raffinato pianista e compositore Ramberto Ciammarughi. L’incontro sancisce una nuova collaborazione tra due fra i migliori artisti italiani.
Per il quinto concerto, sabato 19 settembre il travolgente Perfect Trio di Roberto Gatto, in cui il grande batterista romano esplora la grande musica pop italiana e internazionale in una chiave completamente diversa e con un approccio libero da dogmi musicali.

Blue note Paolo Terlizzi ph Six Hats Studio

Venerdì 25 settembre arriva il celebre trombettista Fabrizio Bosso, anche in questo caso in doppio concerto, per un incontro tra il poliedrico e virtuoso strumentista e il jazz dalla spiccata matrice europea del Norma Ensemble.  
Sabato 26 settembre spazio alla sperimentazione con la cantante Alice Ricciardi assieme al pianista Pietro Lussu, con le sonorità di ricerca del loro album “Catching a Falling Star”. Poi salirà sul palco il Blue Note Quartet feat: la tradizione dello swing e del bebop sono le linee guida di questo gruppo di star del jazz italiano, condotte dal maestro Gegè Munari, memoria storica del jazz italiano.

Venerdì 2 ottobre una grande jam session con tanti ospiti: un evento speciale dedicato a Marco Massa, ideatore della rassegna scomparso prematuramente.
Un messaggio di speranza che guarda alle sonorità del futuro nel concerto conclusivo, sabato 3 ottobre. Protagonista l’Hammond Trio, una band dal grande interplay che si fonda intorno all’intrigante sound dell’organo Hammond, terreno fertile per l’improvvisazione.


M.F.C.S.
Fonte: Ufficio Comunicazione Parco Archeologico, 4 settembre 2020

DAL TRAMONTO ALL’APPIA: AROUND JAZZ
11 settembre – 3 ottobre 2020

Ingresso acquistabile esclusivamente in prevendita:https://ticketitalia.com/concerti/around-jazz
Sarà a disposizione in loco un dispositivo elettronico che consente un eventuale acquisto in autonomia dei biglietti fino a qualche minuto prima dell’inizio concerto.

Mausoleo di Cecilia Metella – Castrum Caetani in via Appia Antica 161: raggiungibile in auto o con la Metro A (Arco di Travertino) e poi autobus 660 oppure 118 dal centro di Roma.

Casale di Santa Maria Nova nell’area archeologica della Villa dei Quintili in via Appia Antica 251: raggiungibile in auto o con la Metro A (Colli Albani) e poi autobus 664 oppure 118 dal centro di Roma.

www.parcoarcheologicoappiaantica.it

https://www.facebook.com/archeoappia
https://www.instagram.com/archeoappia/
https://twitter.com/archeoappia

Tags: , ,

Altre storie daTribute To

About Maria Fleurent