Vai a…
RSS Feed

GENOVA
Palazzo Ducale
Teatro Nazionale

EDIPO: IO CONTAGIO
Mostra performativa
ideata da Davide Livermore
Elementi scenografici
dal Teatro alla Scala

3 Febbraio – 19 Marzo 2021
Riallestita 7 – 28 Maggio 2021


Una mostra straordinaria fatta di parole, imponenti elementi scenografici, frammenti di tragedia, performer dentro teche di cristallo. Il progetto “Edipo: io contagio – scena e parola in mostra nella Tebe dei Re” nasce da un’idea di Davide Livermore, Direttore del Teatro Nazionale di Genova, accolta con entusiasmo da Luca Bizzarri, Presidente della Fondazione per la Cultura Palazzo Ducale Genova, che ha offerto i propri spazi per la realizzazione.

Allestita a novembre 2020 nel Sottoporticato di Palazzo Ducale e poi “congelata” in attesa della riapertura dei musei, fruibile durante questi mesi attraverso una serie di video online, finalmente, con la Liguria tornata in zona gialla, da martedì 3 febbraio 2021 può aprire al pubblico anche questa mostra (la cui chiusura è stata prorogata fino al 19 marzo). La mostra sarà poi riallestita dal 7 al 28 maggio nella Sala del Munizioniere.

«… Per riaffermare l’importanza della cultura teatrale in tempo di crisi – racconta Davide Livermore –  ci si è rivolti all’Edipo Re, tragedia paradigmatica in cui Sofocle racconta di una Tebe devastata dalla peste e di un uomo che cerca di capire come arrestare il contagio e salvare il suo popolo. Il drammaturgo dell’Antica Grecia, che si era ispirato a una pestilenza che pochi anniprima aveva terrorizzato i suoi concittadini, ci offre uno specchio clamoroso della nostra società: i versi dell’Edipo Re ci restituiscono un momento tragico, riflettendo in maniera implacabile ilperiodo storico che stiamo vivendo».

Il progetto della mostra performativa ha preso il via con una call pubblica rivolta ad attori e danzatori e risponde anche alla fondamentale esigenza di tutelare l’occupazione di artisti e maestranze, che da mesi si trovano in gravi difficoltà.

ph Matilde Pisani

Curata dallo stesso Davide Livermore insieme a Margherita Rubino e Andrea Porcheddu, la mostra è un percorso suddiviso in diverse stanze, dove gli spettatori, avvolti dalle musiche inquietanti di Andrea Chenna, si imbattono in maestosi cavalli, tappeti di sangue, una jeep esplosa, bestie macellate. Sei performer, chiusi in box trasparenti, restituiscono frammenti del primo atto dell’opera di Sofocle, evocando mogli e madri che piangono mariti e figli; una comunità che si interroga sulle responsabilità dell’uomo nel disastro, capi di stato che cercano salvezza per il proprio popolo, in un crudele gioco del destino in cui si è ora vittime, ora colpevoli.

Il Teatro alla Scala di Milano ha messo a disposizione spettacolari elementi scenografici d’autore, provenienti da quattro titoli operistici andati in scena negli anni passati. Il Teatro Nazionale di Genova e la Fondazione per la Cultura Palazzo Ducale Genova, nell’attesa di capire se si potrà aprire la mostra al pubblico, condivideranno online tramite i propri canali una serie di video che permetteranno al pubblico un primo ingresso virtuale alla mostra.

M.C.S.
Fonte: Ufficio Stampa Teatro Nazionale, 20 novembre 2020 e 29 gennaio 2021
Immagine di apertura: ph Matilde Pisani

EDIPO: IO CONTAGIO
Scena e parola in mostra nella Tebe dei Re
3 febbraio – 19 marzo 2021
Riallestita dal 7 al 28 maggio nella Sala del Munizioniere

Sottoporticato di Palazzo Ducale
Piazza Matteotti 9 16123 Genova
www.teatronazionalegenova.it
www.palazzoducale.genova.it

Edipo mostra ph Luca D’Alessandro


Tags: , , , ,

Altre storie daTribute To

About Maria Fleurent