Esecuzione in prima assoluta di “Quintetto sospeso” composto da Giovanni Sollima. Con lui, a Malga Costa, suonano Brunello, Lucchesini, Rizzi, Rossi. Utilizzato anche un ‘violino-scultura’ di fieno.

Arte Sella, il museo a cielo aperto della Val di Sella, in Trentino, celebra i vent’anni di Fucina Arte Sella, festival-laboratorio ideato nel 2005 dal violoncellista Mario Brunello, dove artisti di varie discipline e giovani allievi condividono spazi a contatto con la natura dando vita a laboratori creativi multidisciplinari che sfociano in incontri aperti al pubblico. La Fucina negli anni ha visto dialogare, immersi in un contesto naturale e artistico straordinario, musicisti, attori, poeti e scrittori di chiara fama.

Giovanni Sollima, Arte Sella – Ph Giacomo Bianchi

Protagonisti dell’evento celebrativo, articolato in due concerti, sono lo stesso Mario Brunello, il collega di strumento Giovanni Sollima, il pianista Andrea Lucchesini, il violinista Marco Rizzi e il violista Danilo Rossi. Il doppio concerto è fissato per domenica 22 maggio, con inizio alle ore 14,30 e alle ore 17, a Malga Costa nei pressi di Borgo Valsugana (Trento). Nella speciale occasione Giovanni Sollima suona il violoncello di fieno costruito espressamente per lui dalla scultrice Julia Artico: testimonianza della profonda interconnessione tra Arte Sella e la natura.

Oltre alla in prima assoluta di “Quintetto sospeso”, composizione commissionata espressamente a Sollima per festeggiare il ventennale, il programma prevede anche l’esecuzione di “Durchhaus phantastisch und leidenschaftlich vorzutragen” dalla Fantasia op. 17 per pianoforte di Robert Schumann, “Rasch Langsam, mit melanchonischem Ausdruck” da Märchenbilder op. 113 per viola e pianoforte dello stesso autore e “Scherzo dalla Sonata F.A.E.” per violino e pianoforte di Johannes Brahms.

Spiega Giovanni Sollima: «È un quintetto nel quintetto: la forma caleidoscopica e aperta ospita diversi movimenti o – preferisco dire – libere riflessioni sull’ambiente, sul clima, sulle radici, su di noi. L’idea, per me fortissima e piena di significati, di destinarlo ad Arte Sella e agli amici con cui ne condividerò l’esecuzione mi ha accompagnato per tutta la stesura».

Rossi, Rizzi, Lucchesin, Brunello

Aggiunge Mario Brunello: «Fucina Arte Sella è un’ulteriore creatura che Arte Sella è riuscita a far nascere seguendo la propria filosofia: le opere che lì nascono hanno una vita completamente legata al luogo, all’atmosfera, al paesaggio naturale e alle persone che lo frequentano. E la Fucina, con i suoi incontri artistici e i suoi laboratori formativi, ha sempre cercato di tradurre lo spirito di Arte Sella in suoni. I programmi musicali che si suonano nella nostra “stalla da concerto” non possono avere lo stesso significato se eseguiti in una comune sala da concerto, anche la più prestigiosa».

ALTRI CONCERTI
L’edizione 2022 di Fucina Arte Sella vivrà altri due momenti significativi: il concerto del duo del clarinettista Gabriele Mirabassi e del fisarmonicista Simone Zanchini, a mezza strada fra jazz, Brasile e altro, con la partecipazione di due giovani allievi (sabato 6 agosto); il reading musicale “Flower Power” con Mario Brunello e l’attore e scrittore Andrea Pennacchi, liberamente ispirato al libro di Alessandra Viola, con composizioni originali di Alessio Pianelli (sabato 1 ottobre).

C.S.M.
Fonte: Ufficio Stampa, maggio 2022
Immagine di copertina: Giovanni Sollima e Mario Brunello
Ph Giacomo Bianchi

FUCINA ARTE SELLA
22 maggio, 6 agosto, 1 ottobre 2022

Malga Costa | Val di Sella | Borgo Valsugana (Trento)
Prenotazione obbligatoria con pagamento anticipato.
Con il biglietto del concerto è possibile visitare le aree espositive in giornata.
Informazioni e prenotazioni: t.0461.751251 (dalle 8 alle 12)
 e-mail: info@artesella.it
www.artesella.it

Lascia un commento